6 January 2014

DSC in pillole

Il digital selective calling (DSC - gergalmente selettiva) è un'importante funzionalità di sicurezza che può essere presente negli apparati mobili di ricetrasmissione VHF marini e negli apparati ricetrasmittenti mobili MF/HF o delle forze di polizia e di soccorso.

Premendo un singolo pulsante (tipicamente rosso) il sistema provvede a trasmettere l'identificativo del veicolo che lo emette ed anche la posizione da cui si invia la chiamata, se lo strumento è interfacciato con un GPS. Il segnale viene immediatamente ricevuto da ogni altro apparato DSC situato a distanza utile e viene ripetuto ogni 4 minuti.

  Il sistema può essere usato anche per chiamate non di emergenza e
  • distress 
  • urgency 
  • safety 
  • routine 
sono le quattro classi di chiamata e solo la prima è automaticamente trasmessa a tutte le stazioni riceventi, ma è importante osservare che, essendo codificato, elimina le difficoltà che si hanno nella comunicazione tra soggetti di lingua diversa. Il nome è legato al fatto che la chiamata (call) è digitale (digital) e può essere indirizzata in modo specifico (selective) ad una singola stazione ricevente.


Il DSC fa parte di un sistema più ampio di comunicazioni marittime che si chiama GMDSS (Global Maritime Distress and Safety System) che serve non solo per le comunicazioni di emergenza ma anche per comunicazioni ordinarie tra imbarcazioni e verso terra. Altri equipaggiamenti GMDSS sono l'EPIRB, l'INMARSAT, il SART e il NAVTEX.

Nelle chiamate con DSC, determinate informazioni come MMSI, posizione dell’unità, ora, tipologia della chiamata, etc. vengono impostate dall’operatore oppure acquisite automaticamente dall’apparecchiatura stessa e quindi inviate ad un codificatore/trasmettitore.  

il codice MMSI
Come detto ad ogni singola stazione viene assegnato un codice MMSI che risulta composto da 9 cifre, le prime tre delle quali costituiscono il MID (Marittime Identification Digits) e indicano la nazionalità di appartenenza della unità su cui è installata la stazione. Il MID assegnato all’Italia risulta 247 che ritroveremo quindi all’inizio di ogni MMSI assegnato alle unità di bandiera italiana. 
Nel caso in cui si tratti di una stazione radio costiera l’MMSI sarà sempre composto da 9 cifre ma il MID sarà preceduto da 00. Per l’Italia abbiamo solo due MMSI di stazioni costiere: 

002470001 
per la stazione radio costiera di Roma e tutte quelle da essa controllate (tutte le stazioni radio costiere presenti nel Nord e centro Italia sino a Roma);
002470002
per la stazione radio costiera di Palermo e tutte quelle da essa controllate (tutte le stazioni radio costiere presenti nel Centro e Sud Italia non controllate da Roma).  

l'ITU registra tutte le MMSI nel suo database MARS http://www.itu.int/online/mms/mars/ship_search.sh,

Dati trasmessi nelle chiamate DSC
In tutte le tipologie di chiamate con tecniche DSC vengono sempre trasmessi alcuni dati della stazione che effettua la chiamata: 
  • qualifica della chiamata (Distress, Urgency, Safety, Routine)
  • proprio MMSI
  • propria posizione (qualora l’apparato rtx sia interfacciato ad un GPS). Nel caso l’apparato non disponga di tale informazione è possibile inserire manualmente tale dato
  • ora
Nelle chiamate indirizzate ad una singola stazione (chiamata individuale) l’operatore dovrà inserire l’MMSI della stazione chiamata ed il canale su cui si desidera comunicare successivamente in radiotelefonia.

Nelle chiamate Distress (a tutte le stazioni) è possibile indicare, qualora ce ne sia il tempo, anche la natura del sinistro in maniera tale da permettere alle autorità preposte alle operazioni di SAR (Search and Rescue) di gestire gli interventi per l’effettiva necessità dichiarata. Nel caso non sia possibile inserire questo dato, la natura del soccorso nella chiamata di Distress sarà di tipo generico e non definito [undesignated distress]. La chiamata di soccorso in DSC viene continuamente ripetuta automaticamente dopo un intervallo compreso tra 3m e 30s e 4m e 30s sino a che non giunge una accusa di ricevuto in DSC da parte di un’altra stazione, oppure in seguito all’intervento dell’operatore. 
Nel periodo che intercorre tra due chiamate, l’apparato si predispone automaticamente sul canale 16 per l’espletamento del traffico di soccorso in radiotelefonia.




No comments:

Post a Comment